22/07/2024

Loreena McKennitt, Roma

22/07/2024

Kool & The Gang, Bologna

22/07/2024

Goran Bregovic, Ostia Antica (RM)

22/07/2024

Max Gazzé, Sarzana (SP)

22/07/2024

Banco Del Mutuo Soccorso, Agerola (SA)

22/07/2024

Vasco Brondi, Roma

23/07/2024

JB, Montefiascone (VT)

24/07/2024

Loreena McKennitt, Udine

24/07/2024

Marlene Kuntz, Roma

24/07/2024

Cristiano De André, Cernobbio (CO)

24/07/2024

Lauryyn, Rocca di Braccio (PG)

24/07/2024

Kool & The Gang, Taranto

Agenda

Scopri tutti

Verdena live Firenze

Scaletta densa di brani dall’ultimo album

Torna a Firenze il “Volevo magia” edizione “estate 2023” tour dei Verdena a distanza di otto mesi abbondanti (il report). Concerto attesissimo, perché non ne avevamo avuto abbastanza di vederli, dopo tanto tempo di fermo ma soprattutto dopo un bellissimo album, dal quale il tour ha preso nome.

Nuova tappa dunque, stavolta estiva. Conoscendo i Verdena, non ci aspettavamo un concerto copia del precedente, ma sempre qualcosa di nuovo, e così è stato. Carichi, carichissimmi, il 28 luglio sono saliti sul palco dell’Ultravox, ovvero l’anfiteatro all’aperto sede da qualche anno della maggior parte dei concerti fiorentini all’aperto. Luogo infelice, lontano da tutti i mezzi pubblici (o sei motorizzato o non ci arrivi, e poi il parcheggio è obbligatoriamente a pagamento), un po’ decadente, con i teli che coprono le impalcature che sorreggono l’amplificazione tutti sbiaditi e ciondoloni, la tenda per il mixer di palco tutta storta e resa instabile dal maltempo. Ci sono due stand di cibo e due di beveraggi, da accedere rigorosamente con i token, quindi dobbiamo fare tre volte la coda: una per i token, una per mangiare, una per bere. Insomma, disagio a gogo, insieme alle zanzare.

Questo non ha fermato ovviamente il popolo dei Verdena, che ha stipato l’anfiteatro, anche se un po’ all’ultimo momento, e il concerto inizierà con una decina di minuti ritardo. I problemi di suono sono stati subito evidenti, non solo per noi pubblico, ma anche per i musicisti, sinceramente innervositi dalla situazione. Alla fine ne risulterà un concerto a volumi davvero esagerati, con suoni totalmente distorti. Ok, la distorsione è una delle cifre distintive del sound Verdena, ma sembrava di stare a un concerto grindcore!

I nostri non si sono però fermati e ci hanno proposto una scaletta molto diversa rispetto al concerto autunnale, anche se alcuni brani sono stati presenti in entrambe. Le luci saranno sempre basse, come si consueto, quasi sempre tutte blu, con qualche sprazzo di rosso da metà concerto, contribuendo a mantenere quell’atmosfera cupa.  Luca, Alberto e Roberta, accompagnati ancora da Carlo Maria Toller sono pronti a darci magia.

Si attacca con “X sempre assente” e già sappiamo che sarà un concerto scuro, come piace a noi fan. È la decima traccia del nuovo album (la nostra recensione), dal quale saranno proposte 9 delle 13 tracce, quindi possiamo davvero ritenerci soddisfatti nell’ascoltare questo bel lavoro dal vivo, nonostante il disagio dei suoni che non rendono giustizia agli arrangiamenti dedicati alle versioni live.

Roberta, come di consueto al centro del palco, salta, salta molto, e soprattutto ringrazia, spesso, semplicemente con un grazie, grazie a tutti, e lo fa anche Alberto. I brani non vengono presentati, non c’è alcuna chiacchiera, se non una breve domanda da parte di Roberta al pubblico Chi c’era di voi 23 anni fa quando abbiamo suonato per la prima volta a Firenze? Alberto le chiede Stai facendo un sondaggio? Sono poche le mani che si alzano, e Roberta commenta Ah, solo dieci … Dimostrazione che i Verdena, fedelissimi alla loro storia, coerenti al loro approccio musicale, hanno saputo costantemente rinnovarsi e proporsi a un pubblico nuovo per età anagrafica. E forse alcuni dei fan storici, quelli che vanno per la cinquantina, a fine luglio semplicemente erano al mare …

Non c’è, mi dispiace dirlo, il pogo visto alla data di novembre, nessun crowdsurfing. I fan certamente cantano, lo notiamo visivamente, perché i volumi impossibili impediscono di sentirli, e così di creare quell’atmosfera di condivisione che genera felicità ai concerti. Luca si arrabbia così tanto per la situazione che sbatte via un piatto, che finisce a bordo palco. Per salvare i timpani mi sposto, come molti altri, sui gradoni più alti dell’anfiteatro, e riesco comunque a godermi questa bellissima set list, dove oltre ai 9 ultimi brani, trovano posto altre 13 gemme, per niente scontate. Dopo un’ora e 35 minuti di musica a raffica, come dicevo niente perdita di tempo in chiacchiere, niente rito ipocrita del bis, i Verdena spariscono nel buoi del back stage.

E noi usciamo tranquilli e composti, pur senza aver accumulato l’energia e l’adrenalina che i nostri sanno sprigionare e regalare in condizioni ottimali, sapendo che non finisce qui. Che torneranno.

Articolo di Francesca Cecconi, foto di Damiano Giangaspero

Set list Verdena Firenze 28 luglio 2023

  1. X sempre assente
  2. Loniterp
  3. Logorrea (Esperti all’opera)
  4. Paul e Linda
  5. Cielo super acceso
  6. Lui gareggia
  7. Isacco nucleare
  8. Dialobik
  9. Chaise longue
  10. Identikit
  11. Trovami un modo semplice per uscirne
  12. Nova
  13. Dentro Sharon
  14. Crystal Ball
  15. Don Calisto
  16. Sui ghiacciai
  17. Volevo magia
  18. Scegli me (Un mondo che tu non vuoi)
  19. Il Gulliver
  20. Muori delay
  21. Un po’ esageri
  22. Pascolare

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!