19/04/2024

Ghostly Kisses, Milano

19/04/2024

Furor Gallico, Bologna

19/04/2024

Giovanni Truppi + Band vs Sibode DJ, Brescia

19/04/2024

Nobraino, Firenze

19/04/2024

Marlene Kuntz, Roncade (TV)

19/04/2024

Trophy Eyes, Milano

19/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Bologna

19/04/2024

Malvax, Torino

19/04/2024

Lorenzo Polidori, Tommaso Doglia, Fabrizio Bianco, Firenze

19/04/2024

Blue Drama, Fiesole (FI)

19/04/2024

Will Hunt, Torino

19/04/2024

Finntroll, Milano

Agenda

Scopri tutti

Verdena live Torino

Rock potente e coinvolgente, indie nel vero senso della parola

Che la seconda giornata del TOday’s Festival fosse ancora più affollata della prima, si capiva già nel pomeriggio, arrivando allo sPAZIO211: coda per entrare ben più corposa e più difficoltà nel trovare un parcheggio nelle immediate vicinanze del parco Sempione. E infatti, nonostante il caldo asfissiante e le zanzare, la serata era sold-out ancora prima di cominciare.

Lo dico subito, i Verdena non sono my cup of tea come dicono gli inglesi, però prima del concerto scorgo fra il pubblico gli Uzeda, venuti apposta dalla Sicilia, e inizio a pensare che un endorsement così prestigioso voglia dire ben più di qualcosa.

Il concerto comincia sotto una pioggia di luci blu, e continuerà così per tutta la durata del set – fa eccezione qualche luce rossa accesa durante “Logorrea” – mentre i quattro ragazzi iniziano subito a picchiare come dei fabbri a un volume quasi disumano. Per fortuna che i miei fidi tappi per le orecchie fanno ancora il loro porco mestiere.

Si inizia con “Paul e Linda”, tanto per far scaldare i motori e il pubblico, e si prosegue con la tiratissima “Loniterp”, e da “Logorrea” il concerto decolla definitivamente. Ci sono addirittura accenni di pogo durante “Cielo super acceso”, visto che Alberto, Roberta e Luca tirano dritti come un treno, coadiuvati dal polistrumentista Carlo Maria Toller, e il loro sound sporco e grintoso è davvero affascinante, anche se talvolta ci si avvicina pericolosamente in territori quasi metal che rendono un po’ ostico l’ascolto, ma qui si va più in opinioni personali.

Resta il fatto che i Verdena rimangono una band vera, capace di suonare un Rock potente e coinvolgente ed è indie nel vero senso della parola.

Liberi, sfrontati, con quell’aria un po’ strafottente di chi si può permettere anche di tagliare dalla scaletta una canzone-manifesto come “Valvonauta” e riuscire a far sfollare migliaia di fan col sorriso sulle labbra. Se questo è il fine ultimo degli spettacoli dal vivo, i Verdena hanno perfettamente raggiunto il loro scopo.

Articolo e foto di Michele Faliani

Set list Verdena Torino 26 agosto 2023

  1. Paul e Linda
  2. Loniterp
  3. Logorrea (Esperti all’opera)
  4. Cielo super acceso
  5. Lui gareggia
  6. Luna
  7. Dialobik
  8. Chaise longue
  9. Angie
  10. Crystal Ball
  11. Don Calisto
  12. Sui ghiacciai
  13. Volevo magia
  14. Scegli me (Un mondo che tu non vuoi)
  15. Il Gulliver
  16. Muori delay
  17. Pascolare
  18. Miglioramento

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!