28/09/2022

Opeth, Roma

29/09/2022

C’Mon Tigre, Milano

30/09/2022

Paolo Nutini, Milano

30/09/2022

Negramaro, Milano

30/09/2022

Penny and Sparrow, Milano

01/10/2022

Assalti Frontali, Palermo

01/10/2022

Sons of the East, Milano

01/10/2022

Sons of the East, Milano

01/10/2022

Godspeed You! Black Emperor, Bologna

Agenda

Scopri tutti
Grumpynators

Grumpynators “Still Alive”

“Still Alive” propone l’energia live della band rivestita della qualità sonora che ti aspetti da una produzione di questo calibro

Pubblicato a fine agosto 2020 su Mighty Music il terzo album dei danesi Grumpynators, il cui titolo “Still Alive” suona come una dichiarazione di intenti, si candida alla posizione di loro miglior lavoro e sicuramente servirà a consolidare la posizione di questo combo in estetica Psychobilly dedito a un Hard Rock’n’Roll dalle varie sfumature.

Ed è proprio di Rock’n’Roll che stiamo parlando. Quel Rock’n’Roll che può mettere tutti d’accordo e appianare qualsiasi tipo di divergenza fra quattro amici intenti a parlare di musica davanti a qualche birra. Quella vibe che in sala prove può far camminare un metallaro, un hard rocker e un paio di musicisti rockabilly nella stessa unica direzione.

Registrato ai Medley Studios con la produzione di Søren Anderson, il materiale contenuto in “Still Alive” propone l’energia live della band rivestita della qualità sonora che ti aspetti da una produzione di questo calibro. Gli elementi che costituiscono il background musicale dei quattro musicisti sono tutti presenti e si avvicendano lungo le dieci tracce contenute in questo album. Unico denominatore comune la melodia e la capacità di produrre ritornelli che ti rimangono in testa con estrema facilità.

Dalla iniziale title track “Still Alive” si percepisce già l’umore di tutto il lavoro, chitarre smaccatamente rock’n’roll, accordi aperti, batteria dal piglio motorheadiano – se mi passate il termine – e un ritornello contagioso. La chitarra in levare di “Going Away For Good” sposta l’ago dalla bilancia dalla parte opposta e si concede solo nel ritornello veloce e corale, mentre “Blood And Bones” preme sul pedale del Metal, la seguente “Feel The Same” ci riporta invece a certe atmosfere alla Social Distortion.

La ricetta dei Grumpynators procede per il resto dell’album proponendoci ritornelli aperti e accattivanti su ritmi spinti da una batteria incisiva e martellante come in “Dream Girl” e “Yesterday”, mentre gli echi street metal anni ’80 di “Sweet Psycho Sister” aggiungono una nuova portata al menù.

“All I Want” potrebbe essere un altro bel singolo, un brano hard&heavy che si stempera in un azzeccato ritornello. “Monster Girl” ha velleità più pop rivestite da una solida corazza rock e “Back On The Road” chiude in maniera azzeccata questo album con un’altra dose di Hard Rock.

I Grumpynators sono quello che vi potete aspettare, solidi, divertenti, con un discreto gusto per la melodia e la capacità di saper mischiare le carte ad arte senza voler strafare in un senso o nell’altro obbedendo alla prima eterna legge del Rock’n’Roll. Non usare tre note quando potresti usarne due per ottenere lo stesso risultato.

Articolo di Andrea Bartolini

Track list “Still Alive”

  1. Still Alive
  2. Going Away For Good
  3. Blood And Bones
  4. Feel The Same
  5. Dream Girl
  6. Yesterday
  7. Sweet Psycho Sister
  8. All I Want
  9. Monster Girl
  10. Back On The Road

Line up Grumpynators

Christian Nørgaard – Guitar
Jakob Øelund – Double bass
Emil Øelund – Guitar, vocals
Per Fisker – Drums

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!