23/06/2024

IDLES, Padova

23/06/2024

Apolide Festival, Ivrea (To)

23/06/2024

Fontaines D.C., Lido di Camaiore

23/06/2024

Brujeria, Bologna

23/06/2024

La Prima Estate Festival, Lido di Camaiore (LU)

23/06/2024

E, Fano (PU)

23/06/2024

Gossip, Segrate (MI)

23/06/2024

Dogstar, Gardone Riviera (BS)

23/06/2024

Tre Allegri Ragazzi Morti, Ivrea (TO)

23/06/2024

Comeback Kid + Bane, Bologna

23/06/2024

The Smile, Roma

24/06/2024

Paolo Nutini, Lignano Sabbiadoro (UD)

Agenda

Scopri tutti

Moscato Band “Climatic Blues”

Blues elettrico, spesso molto vivace, influenzato dai grandi classici

Interamente autoprodotto, è stato presentato per la prima volta il 23 luglio 2023 al Seravazza Blues Festival (il nostro report); la registrazione è stata effettuata presso gli studi East Land di Gorizia e il missaggio è stato realizzato direttamente dai componenti del gruppo. Voce, chitarre, armonica e batteria sono gli ingredienti di questo bel lavoro che ci offre un Blues elettrico, spesso molto vivace, chiaramente influenzato dai grandi classici, da BB King a Muddy Waters. I suoni puliti, precisi, la voce espressiva e la base ritmica mai eccessiva ne fanno un disco veramente gradevole; l’impressione che dà è di una raccolta di brani adattissimi ad essere suonati live in un locale o in una piazza con un pubblico sempre più preso dai ritmi e dalle melodie, ritmi e melodie che ci riportano a Chicago e al Delta.

Con queste immagini nella mente mettiamoci all’ascolto, rilassati e con la mente libera. Il primo pezzo, “With the Blues” ha un sapore molto classico di Chicago Blues. Un ritmo tranquillo ma che ti fa venire voglia di muoverti. La voce calda e leggermente roca si sposa benissimo con i fraseggi di chitarra. Una buona canzone sul Blues tradizionale. “Try”, il secondo brano, è un Blues lento, malinconico, ma che la melodia, basata sul modo maggiore, rende quasi ironico. Il cuore infranto è uno dei temi principali del Blues e qui il protagonista esprima la propria incapacità di dimenticare l’amore perduto.

“Don’t Know” ha un sapore più malinconico. Anche qui abbiamo un Blues lento che tratta di pene amorose. La progressione discendente di accordi e il modo minore del brano danno l’immagine della fatica del protagonista nel definire una situazione complessa. Molto bello il dialogo tra le due chitarre: una che mantiene il sottofondo arpeggiato condito con qualche piccolo riff e l’altra che viaggia lungo la melodia. In “Hard Life” la band Toscana affronta un altro dei temi cardini del Blues tradizionale: la durezza delle condizioni di vita e la volontà di migliorare, cosa che era comune negli artisti della Chicago degli anni ’50. Il brano ha un buon ritmo che ti lascia una sensazione positiva e dinamica.

“Climatic Blues” affronta l’attualissimo tema della salvaguardia dell’ambiente con un sound molto anni ’70/’80. Il suono del wha wha sulla chitarra ci riporta alle atmosfere di quegli anni, anche se l’argomento dell’urgenza del problema climatico ed ecologico è terribilmente attuale. “Lost People Blues” riprende il tema di “Hard Life” con un ritmo più moderno e più urbano. I fraseggi decisi della chitarra ci evocano l’immagine del protagonista che cammina lungo le strade della sua città e nota le condizioni di vita di molta gente, gente che è sul punto di perdere ogni speranza nel futuro, tanto non cambierà mai nulla.

Un appassionato di gatti come me non può che rimanere affascinato da “Black Cat”, il settimo brano dell’album. Il protagonista dice di volere imparare lo stile di vita del nobile felino e il ritmo incisivo ne sottolinea la risolutezza. Sprizza allegria e voglia di divertirsi l’ottava traccia, “Real Blues Dance”. La ritmica precisa dell’introduzione è decisamente contagiosa e ci sprona a scatenarci. Un brano che dal vivo deve essere davvero fenomenale.

L’album si conclude con “If You Really”. Un bel Blues abbastanza lento ma deciso e carico. Il protagonista invita un amico a lasciare perdere una storia oramai finita.  Il mood del pezzo dà proprio l’impressione del dialogo tra i due amici in cui uno cerca di spronare l’altro per farlo uscire dal suo stallo. Se proprio ami la tua donna, quando è finita lasciala andare. In conclusione “Climatic Blues” è un album molto ben suonato che trasuda molta, molta passione per il Blues classico. Un ascolto davvero di ottima qualità.

Scritto da Flavio Giuseppe Businelli

TrackList “Climatic Blues”

  1. With The Blues
  2. Try
  3. Don’t Know
  4. Hard Life
  5. Climatic
  6. Lost People Blues
  7. Black Cat
  8. Real Blues Dance
  9. If You Really

Line up Moscato Blues Band:  Marco Marchetti Voce, Chitarra e Armonica  / Andrea Marchetti Chitarra / Nicola Raffaelli Batteria  / Luca Marchetti Basso

Moscato Band online:
Facebook: https://www.facebook.com/profile.php?id=100063559297884
YouTube: https://www.youtube.com/@marcomarchetti3282

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!