30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

31/05/2024

Gabriella Martinelli, Firenze

31/05/2024

Diaframma, Buggiano (PT)

31/05/2024

Charlotte Sands, Milano

31/05/2024

Indie Head Quarter 2024, Malborghetto di Boara (Ferrara)

31/05/2024

Wacken Metal Battle Italy 2024, Firenze

Agenda

Scopri tutti

Reverend Beat-Man & The Un-Believers “Get On Your Knees”

L’incarnazione del Rock ‘n’ Roll sanguigno e politicamente scorretto

Certi album, sembrano non avere tempo. “Get On Your Knees” del Reverend Beat-Man – che abbiamo conosciuto in occasione del We’re Loud Fest 2023 – e dei suoi The Un-Believers è uno di questi. Uscito sul mercato per la prima volta nel 2001 rinasce in questa nuova edizione, fuori il 29 marzo per Voodoo Rythm Records, un regalo per i tanti fan del reverendo e un buon motivo per raggiungere chi ancora non lo conosce. L’intero album trasuda lo spirito più vintage e sanguigno del Rock ‘n’ Roll. La scelta di registrare nei Toe Rag Studios di Londra su un vecchio banco EMI Redd 17 proveniente dai mitici Abbey Road Studios, è la riprova di quanto questo progetto cerchi di mantenere quelle atmosfere tipicamente analogiche e difficilmente riproducibili con i mezzi attuali.

“Get On Your Knees” si apre con la title track e subito il reverendo e la sua band mostrano la pasta di questo album: diretto, grezzo, quasi primitivo, ma comunque con una ricerca molto precisa del sound. Non si può che non rimanere coinvolti dalla carica di energia di questo lavoro discografico. Canzoni come “They Rings The Bells For Me” sono un vero tuffo nel passato come stile esecutivo e mostrano che, la scelta di registrare alla vecchia maniera, senza sovra-incisioni e tutto in presa diretta, abbia mantenuto intatto il feeling tra i musicisti necessario per canzoni del genere.

Il reverendo rapisce con il suo cantato sporco e rabbioso, in molti tratti quasi un predicatore che grida al mondo in maniera accorata il suo sermone dissacrante e provocatorio come nel brano “Oh Lord!”. Un continuo rincorrersi fra blasfemia e sacralità, con il risultato di un mix assolutamente politicamente scorretto. Non stupisce davvero il grande seguito di questo artista che gira il mondo con la sua musica, spesso in versione one-man-band. Se amate l’Underground e soprattutto volete ascoltare un disco sanguigno e diretto, lasciatevi trasportare nel mondo del Reverend Beat-Man, non ne rimarrete delusi.

Articolo di Daniele Bianchini

Tracklist “Get On Your Knees”

  1. Get On Your Knees
  2. Come Back Lord
  3. Back In Hell
  4. How Far Can You Go
  5. Save My Soul From Hell
  6. They Ring The Bells For Me
  7. The Lord Is Coming Back
  8. Oh Lord!
  9. You Don’t Have To Do It
  10. Fuck You Jesus Fuck You Oh Lord
  11. Show Me How
  12. You Don’t Know
  13. Popcorn Up Your Arse

Line up: Reverend Beat-Man voce, kick drum e chitarra / Brother Janosh tastiere / Fuzzy J. Butler chitarra, slide, arpa / Gringo Starr batteria / Gerry Mohr piano e organo

Reverend Beat-Man online:
Facebook https://www.facebook.com/reverendbeatmanofficial/
Instagram https://www.instagram.com/reverend_beat_man/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!