16/04/2024

Patrick Wolf, Roma

16/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Milano

16/04/2024

Cristina Donà e Saverio Lanza, Pisa

16/04/2024

Spite, Milano

16/04/2024

Tré Burt, Savona

17/04/2024

Benjamin Ingrosso, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Erlend Øye & La Comitiva, Torino

17/04/2024

Patrick Wolf, Milano

17/04/2024

The Jesus And Mary Chain, Milano

17/04/2024

Twenty One Pilots, Bologna

17/04/2024

Tré Burt, Milano

Agenda

Scopri tutti

Singoli #24 2023

Singoli selezionati dal 15 al 30 agosto 2023

Corey Taylor “Talk Sick” CMFT & Co.
Sempre più vicino alla pubblicazione del suo secondo album solista “CMF2” in uscita il 15 settembre, Corey Tylor pubblica il terzo singolo “Talk Sick”. Continuo a pensare che quella solista sia la dimensione più congeniale al cantante americano, il nuovo singolo è dirompente e accattivante, Corey Taylor conosce bene la materia e non ha paura di calarsi quando necessario nell’Hard Rock più classico, la coda finale del pezzo serve però a ricordare quanto eclettico il nostro possa essere e come il pezzo avrebbe potuto benissimo prendere una piega differente. Chapeau.

Lucky Thief “Spit On The Pavement”
Proviene da Bristol, una delle scene più attive in Inghilterra, Lucky Thief, nome d’arte di Ed Jefferson e ha appena pubblicato il proprio album di debutto “DIY”, il nuovo singolo estratto è “Spit On The Pavement”. Ed suona tutti gli strumenti in questo brano, che riflette sugli stupidi atti di ribellione che a volte compiamo nel corso della nostra vita, danneggiando, il più delle volte solamente noi stessi. Brano potente, vibrante e coinvolgente. Una vera prova di talento.

Lathe Of Heaven “At Moment’s Edge” Sacred Bones Records
Si tratta di un glorioso epico e incalzante inno synth pop con chitarre che sottolineano il ritornello e le aperture del brano. Ecco l’essenza di “At Moment’s Edge” il nuovo singolo dei Lathe Of Heaven, la band di NY pubblicherà il primo album “Bound By Naked Skies” il 1 settembre, un lavoro che stando a quanto ascoltato finora si dividerà fra atmosfere dark e momenti più pop. Una band che promette grandi cose, con gli anni ’80 sempre bene in mente.

John “Riddley Scott Walker” Brace Yourself Records
Quarto album in arrivo per il duo inglese John (Jhonny Healy e John Henry Newton), “A Life Diagrammatic” uscirà il 22 settembre. Il nuovo singolo “Riddley Scott Walker” è un brano agile e martellante, la band non chiede e non offre compromessi, il loro è un Rock nervoso e minimale a tratti ostico a tratti seducente, con la partecipazione di Barry Adamson, già membro dei Magazine e dei Bad Seeds di Nick Cave.

Soen “Violence” Silver Lining Music
Aggressività e melodia, elementi ben presenti nel suono dei Soen, il nuovo singolo “Violence” tratto dal nuovo album “Memorial” in uscita il 1 settembre, non sfugge a questa equazione che sicuramente fungerà da fulcro anche sul nuovo disco. Un brano che parla di violenza, fisica o mentale alla quale si può essere sottoposti o piegati al loro uso, la band riesce con grande sensibilità a scendere nel profondo e trasformare in musica sensazioni a tutti ben comuni.

Ratboys “Morning Zoo” Ratboys, Inc.
La band di Chicago, Ratboys ha da poco pubblicato il nuovo album “The Window”, “Morning Zoo” è il nuovo singolo. Una band che unisce magnificamente irruenza garage e power pop, il nuovo singolo è uno squisito shuffle infarcito di chitarre dal suono cristallino e contagioso e una linea vocale semplice ma efficace, una dolce e trascinante giga del terzo millennio.

Don Letts feat. Gaudi “Touch” Cooking Vinyl
Ci sono diversi motivi per menzionare il singolo “Touch” di Don Letts, nuovo estratto dall’album “Outta Sync” in uscita il 29 settembre. Don è una leggenda della scena reggae, alternativa, dj, regista, produttore, musicista e il suo primo album da solista non può non passare inosservato, il brano vede la partecipazione di Daniele Gaudi, musicista italiano da 30 anni stabilitosi in Inghilterra. Potrebbe solo bastare dire che il brano è un gustoso esempio di Reggae Pop, magistralmente confezionato o aggiungere che vede la partecipazione fra gli altri del compianto Terry Hall, un’altra leggenda della scena inglese e mondiale. Se anche non vi cibate regolarmente di Reggae, questo lo dovreste ascoltare.

Scott Hepple and The Sun Band “Wildfires”
Scott Hepple and The Sun Band, sono una band inglese di Newcastle che si dedica a uno Psych Rock di matrice americana, colossi come Neil Young sono dalla band citati come fonti di ispirazione e ascoltando il pezzo bisogna ammettere che la leggenda canadese è il primo nome che immediatamente viene in mente. Anche se anche nomi come Beatles e Black Sabbath sono direttamente citati, ascoltando questo brano, guidato da una doppia voce maschile/femminile, sono proprio le sonorità ’60 della East Coast americana a prenderci di peso e guidarci in un viaggio emozionante, bello e straziante fatto di materia e inconscio, di lanci e pause, come una camminata su un sentiero buio solo a tratti rischiarato da squarci luminosi.

Darkness Is My Canvas “Inverted”
Un brano della durata di 9 minuti è il nuovo singolo del duo finlandese Darkness Is My Canvas. “Inverted” è tratto dal nuovo ep “White Noise” che vedrà la luce entro l’anno. Richiama al classico Prog Rock degli anni ’70, ricco di dinamica e melodia nonché di differenti spunti e approcci che si alternano durante tutta la durata del pezzo. Un brano che crea appeal in diversi modi, toccando più corde, dall’irruenza ritmica di alcune parti al pathos di un incalzante solo di chitarra fino a una sezione epica e pomp per poi arrivare a una più diretta e accessibile infarcita di cori dal taglio più pop. Un’opera maestosa, sincera e senza compromessi.

Articolo di Andrea Bartolini

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!