29/05/2024

Gabriella Martinelli, Bologna

29/05/2024

Nils Frahm, Assisi (PG)

29/05/2024

Still Corners, Milano

29/05/2024

Nils Frahm, Assisi

29/05/2024

Metallica, Milano

30/05/2024

American Football, Milano

30/05/2024

Sgranar per colli & Bellavista Social Fest 2024, Buggiano (PT)

30/05/2024

Cor Veleno, Nerviano (MI)

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Nils Frahm, Milano

30/05/2024

Vintage Violence, Novate Milanese (MI)

30/05/2024

Giorgio Canali & Rossofuoco, Roma

Agenda

Scopri tutti

The Mountain Goats “Jenny from Thebes”

Questo album è sicuramente uno dei più attesi del 2023 nel mondo della musica indie folk

The Mountain Goats, dal North Carolina, tornano puntuali sulle nostre pagine come ogni anno. Sì, ogni anno. Per questo 2023, il 27 ottobre sfornano il loro ventiduesimo album “Jenny from Thebes” su Merge Records. Se sei abituato a leggere Rock Nation, o sei un assiduo follower della mia penna digitale, questo potrebbe essere un déjà vu non trascurabile. Infatti questo è il quarto articolo in quattro anni che scrivo per questi personaggi.  Iniziai nel 2020 con “Getting Into Knives”, in pieno covid (la recensione) per poi passare ai toni più cupi e lo-fi di “Dark In Here” (la recensione) e arrivai a “Bleed Out” nella torrida estate 2022 (la recensione). Questo album è un seguito del loro lp del 2002, “All Hail West Texas,” ed è stato ampiamente anticipato sui vari canali social e dal singolo principale intitolato “Clean Slate,” che dà un assaggio di ciò che possiamo aspettarci. L’album è stato registrato tra il 16 e il 22 gennaio 2023 presso The Church Studio a Tulsa, Oklahoma, e vanta la partecipazione di alcuni musicisti di talento; la produzione è stata curata da Trina Shoemaker.

“Jenny from Thebes” è descritto da John Darnielle come una opera rock che narra la storia di una donna di nome Jenny, un personaggio che appare in vari album precedenti della band, compresi “All Hail West Texas,” “Jam Eater Blues” del 2001 e “Transcendental Youth” del 2012. L’album esplora il tema dell’individuo e della società, concentrandosi sulla casa di stile ranch del sud-ovest di Jenny, sulle persone che la considerano un luogo di sicurezza e sulla città del West Texas che è scomoda con la sua esistenza. “Clean Slate,” il singolo principale, funge da introduzione all’ambientazione dell’album. La canzone ci immerge nel mondo di Jenny, nella casa che affitta e nelle persone che vi trovano rifugio quando ne hanno bisogno. È una traccia che stabilisce le basi per la storia in evoluzione di Jenny e il suo desiderio di una nuova vita lontano da un peso che ha portato per troppo tempo.

L’album presenta contributi musicali significativi, tra cui chitarra di Alicia Bognanno (dei Bully), arrangiamenti di fiati e archi di Matt Douglas, voci di accompagnamento di Kathy Valentine (delle Go-Go’s) e Matt Nathanson. La varietà di talenti coinvolti promette una esperienza musicale diversificata e coinvolgente.

“Jenny from Thebes” come citato in apertura, arriva dopo l’album “Bleed Out,” che ha ricevuto l’attenzione della critica per la sua ispirazione ai film d’azione degli anni ’60, ’70 e ’80. Questo nuovo lavoro sembra seguire una direzione diversa, ma altrettanto affascinante, con una narrazione musicale che ci fa immergere completamente nell’universo di Jenny e nel suo viaggio verso la libertà. Promette di essere un album intrigante e coinvolgente da parte dei The Mountain Goats. Con una storia che si sviluppa attraverso la musica e una serie di talenti musicali coinvolti, questo album è sicuramente uno dei più attesi del 2023 nel mondo della musica indie folk. Gli appassionati della band e i nuovi ascoltatori possono prepararsi a un viaggio emozionante attraverso la vita di Jenny e il suo desiderio di un “Clean Slate.”

Chi avrà il piacere di ascoltare questo disco si troverà immerso in 40 minuti (circa) di musica, 12 brani intensi che vanno assaporati con calma. Questa volta ho trovato necessario ripetere gli ascolti del disco intero e delle singole tracce per poter assaporare meglio la continuità rispetto ai lavori precedenti. Quindi, servendo tempo, vi suggerisco un ascolto calmo, quieto, da soli.  Eventualmente accompagnato da un gin tonic. Che fa sempre bene.

Articolo di Marco Oreggia

Tracklist “Jenny From Thebes”

  1. Clean Slate
  2. Ground Level
  3. Only One Way
  4. Fresh Tattoo
  5. Cleaning Crew
  6. Murder at the 18th St.Garage
  7. From Nebraska Plant
  8. Same as Cash
  9. Water Tower
  10. Jenny III
  11. Going to Dallas
  12. Great Pirates

Line up The Mountain Goats: John Darnielle voce, chitarre, piano / Peter Hughes contrabbasso e basso / Matt Douglas cori, tastiere, chitarre, fisarmonica / Jon Wurster batteria e percussioni

The Mountain Goats online
Web https://www.mountain-goats.com/
Facebook https://www.facebook.com/mountaingoatsmusic/
Instagram https://www.instagram.com/mountaingoatsmusic/

© Riproduzione vietata

Iscriviti alla newsletter

Condividi il post!